martedì 28 marzo 2017

Il calcetto sta solo a metafora

Bersagliato dalle critiche per la sua seconda infelice uscita sulla disoccupazione giovanile, che tuttavia, come la prima, ha il pregio di rivelarci quale miserabile ometto sia rincantucciato in quello sproposito di omone, Giuliano Poletti riesce a fare anche di peggio nel tentativo di schermirsi: «Il calcetto – dice – era metafora delle relazioni sociali».
Nulla da correggere, dunque, riguardo all’affermata priorità delle entrature rispetto ai meriti, che indubbiamente oggi è realtà di fatto, come d’altronde è dimostrato proprio da chi non si capisce con quali meriti sieda a capo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, visti i risultati della sua azione di governo: solo l’essere riuscito a tessere una solidissima rete di relazioni sociali può spiegarlo, e per farsi un’idea di quale genere basta aver letto Falce e carrello (Bernardo Caprotti, Marsilio 2007), spaccato di un affresco antropologico prima che economico e politico.
Sta di fatto che Giuliano Poletti non si è affatto limitato a fotografare una realtà di fatto: ben lungi dal definirla odiosamente iniqua nei confronti di chi fra i suoi meriti non può vantare quello di essere un maneggione, l’ha legittimata come la sola possibile. In sostanza ha detto: «Così è: adeguatevi. Oppure – e qui pare evidente il richiamo a quanto disse alcuni mesi fa – andatevene all’estero, perché di chi non sa adeguarsi possiamo fare a meno, anzi, ci infastidisce averlo tra i piedi». E si può capire: uno che pretende sia dato il giusto riconoscimento ai propri meriti, e non coglie l’importanza del lasciarsi dribblare la palla da chi può restituirgli il simpatico gesto atletico con uno splendido voucher, diciamo la verità, che ci sta a fare nel paese dove il servilismo è considerata un’arte? Perché scandalizzarsi, poi? Che c’è di nuovo rispetto allo «sposi un uomo ricco» che Silvio Berlusconi dava in risposta alla precaria che gli chiedeva con quali mezzi potesse aspirare a crearsi una famiglia? 
Le chiamano gaffes, direi che invece sono i capisaldi di un vero e proprio manifesto politico. In tal senso credo che a Matteo Renzi si faccia un grave torto nel rimproverargli di non avere un progetto di società, perché gli uomini e le donne che ha portato al governo, e lui stesso, ne illustrano a dovere uno che è la fedele riproduzione della provincia di cui sono il frutto: figli di intrallatori perennemente attaccati al telefonino, alla Gazzetta Ufficiale, alla pagina dei necrologi, per costruire la trama di affarucoli e scambi di favore, pastette e pacche sulle spalle, simpatie e interessi, a messa la domenica e il lunedì a brigare nello studio del commercialista. Il calcetto – è evidente – sta solo a metafora. 

mercoledì 15 marzo 2017

Apri parentesi. Chiudi parentesi.


Apri parentesi. Com’è possibile che a tanti Matteo Renzi nemmeno sembra di sinistra e poi fra i suoi più convinti sostenitori si ritrova un Giuseppe Vacca, che, in quanto presidente dellIstituto Gramsci, non può non essere comunista? In favore dei poveri di spirito che possano essersi fatti cogliere da questa perplessità, Lilli Gruber pone la domanda al diretto interessato, che risponde: «E che centra? Gramsci è morto». Chiudi parentesi.

Apri parentesi. Non mancate alla tavola rotonda su «Attualità del pensiero di Antonio Gramsci» che oggi si terrà allIstituto Gramsci. Presiede il presidente, Giuseppe Vacca. Chiudi parentesi.


martedì 14 marzo 2017

[...]


Le definizioni di fiaccolata date dal Battaglia, dal De Mauro, dal Devoto-Oli, dal Palazzi, dal Sabatini-Coletti, dal Treccani e dallo Zanichelli sono concordi nellassegnare ragionevole motivo di tenerne una alle occasioni in cui si intenda festeggiare, onorare, commemorare qualcosa o qualcuno, oppure conferire solenne intensità emotiva a un momento di protesta.
Per quella tenutasi laltrieri a Palermo credo si possa senzalcun dubbio escludere loccasione di festa. Tenderei ad escludere pure che si intendesse protestare contro qualcosa o qualcuno: era morto un clochard, ma sera da subito assodato si fosse trattato di un delitto dimpeto, per motivi passionali, e che una volta tanto non fosse necessario trascinare sul banco degli imputati il solito branco di naziskin, i soliti quattro o cinque figli di papà in cerca di emozioni forti, e neppure la criminale indifferenza della società che emargina i più deboli, condannandoli a morte per inedia o assideramento.
Resta solo lipotesi che la fiaccolata volesse essere un omaggio funebre, ma è qui che sorgono le perplessità. Volendo pur mettere a tacere quelle che a ragione potrebbero urtare la sensibilità di chi ha deciso di dare forma tanto enfatica a questi funerali, un dubbio tuttavia resta: non c’è del grottesco nel tenere in pugno una torcia fiammeggiante nellaccompagnare al cimitero uno che è morto bruciato vivo?

lunedì 13 marzo 2017

Corrispondenze


Caro Castaldi, [...] quando laltro giorno, alla kermesse dei renziani riuniti al Lingotto, ha preso la parola Massimo Recalcati, non ho potuto fare a meno di pormi una domanda, alla quale però non ho saputo dare una risposta, e che perciò le giro: come è possibile che vi sia pure uno psicoanalista fra i fedelissimi di chi lei ritiene essere affetto da un grave disturbo della personalità? Ci legga pure una puntina di polemica, ma non mi tratti male, perché credo che la questione non sia affatto oziosa, anzi sono certo che debba essersela posta anche lei. [...] Con stima,

Mariano Russo


Caro Russo, non ritengo affatto oziosa la questione che mi sottopone: mi sono posto la stessa domanda anchio, ma alcuni mesi fa, quando Massimo Recalcati calcò il palco della Leopolda. Senza essere in grado di dirle quale sia la più attendibile, credo che due siano le risposte possibili.
La prima prende forza da alcuni dati che sono incontestabili, e che provo a esporle in modo sintetico, rimandandola ai lavori degli autori che citerò per i riscontri che le dovessero sembrare necessari.
Inizierei col farle notare che la figura del leader politico affetto da gravi disturbi della personalità è sempre stata di grande interesse per il mondo della psicoanalisi, a fronte di una pressoché costante impossibilità di poter studiare il caso da vicino, tanto meno di poter dar luogo a un setting. Prenda, per esempio, quel che Walter Langer mette in premessa alla sua analisi della personalità di Adolf Hitler: non farà fatica a leggere, in sottotraccia allavvertenza sui limiti di uno studio a distanza, un «cosa non avrei pagato per poter avere un tizio così sul mio lettino tre volte a settimana per dieci anni!».
Bene, sia carino, riconosca a Massimo Recalcati quellincoercibile amore per la ricerca che in lui è evidente fin dalla montatura degli occhiali, e dica: cè un caso psichiatrico più interessante di quello di Matteo Renzi sulla piazza?
Ernst Ticho dice che i narcisisti costituiscono un«indicazione eroica per la psicoanalisi», mentre Joan Riviere sostiene che essi «non possono sopportare lidea di migliorare, perché in tal caso dovrebbero ammettere di essere stati aiutati» ed Herbert Rosenfeld si spinge a sostenere che «considerano intollerabile la stessa idea di guarigione»: sfida affascinante, soprattutto dopo essersi fatto massacrare i coglioni per anni da anoressiche e bulimiche.
E quale altro espediente aveva a disposizione, Massimo Recalcati, per studiare Matteo Renzi tanto da vicino come certamente starà facendo di meeting in meeting? Vedrà, caro Russo, che volumone ne verrà fuori, occorre solo attendere qualche annetto.
Mi sembra di poter già cogliere le sue obiezioni. Massimo Recalcati le sembra appena un po meno stronzo del tipico renziano, ma ne ha tutti i tratti distintivi. Vero, ma Heinz Kohut è chiaro: nellapproccio al narcisismo paranoide è indispensabile che lo psicoanalista faccia uno straordinario investimento empatico per assicurarsi che il paziente lo idealizzi, consentendo in tal modo quel transfert speculare che è indispensabile allo studio del caso. Anche su questo punto direi che Massimo Recalcati abbia fin qui dato il meglio di sé: geniale, per esempio, la trovata di paragonare Matteo Renzi a Telemaco per accreditarsi come un Omero pronto a cantarne le gesta.
Lha sentito, poi, al Lingotto? Parlava delle necessarie correzioni alla riforma della scuola, ma è evidente che parlava a lei, caro Russo, e a chiunque aveva a porsi la stessa domanda che lei ha girato a me. «In Matteo Renzi – ha detto – cè una ferita aperta»: lui è lì a cercare di guarirla, incurante del rischio di poter essere fotografato tra un De Luca e un Rondolino e così essere sputtanato a vita, coraggioso come deve essere uno che indefessamente si è votato alla cura e alla ricerca. Non so a lei, ma a me questo pare molto bello.
Laltra ipotesi è che la psicoanalisi non centri niente, che al pari di tanti carrieristi Massimo Recalcati abbia fatto una scommessa, che quanto è nella prima ipotesi gli servirà da scusa se la perde. In fondo è lacaniano, e Jacques Lacan è chiaro: «Larte dell’analista dev’essere quella di sospendere le certezze del soggetto finché se ne consumino gli ultimi miraggi».



martedì 7 marzo 2017

Ogni cruccio è ipocrisia

«Il popolo confonde ogni cosa
e dice esser bella la commedia
se è bella la recitazione»

Francesco M. Zanotti, Paradossi


Dopo aver tanto festeggiato la «morte delle ideologie», ci vuole una bella faccia tosta per lamentarsi del livello cui si è abbassato il dibattito politico. Quando le idee che si offrono a soluzione dei problemi del presente si fanno refrattarie ad articolarsi in un sistema che dia coerente solidità di struttura ad una visione del futuro – quando si arriva addirittura ad affermare che la coerenza sarebbe un intollerabile limite imposto alla politica – quello che sarebbe auspicabile come confronto tra due o più progetti di società è giocoforza destinato a frammentarsi in una incessante serie di scontri polemici su questioni tutte contingenti, ciascuna con una posta in gioco spesso anche miserrima, e tuttavia ragione di contesa sulla quale è vitale spendersi interamente, perché fuori da ogni ampio disegno strategico vince la logica che fa di ogni battaglia una guerra e di ogni dottrina un impaccio.
Sia chiaro: al pari delle religioni rivelate, di cui sono riproduzioni più o meno ben riuscite, anche le ideologie – tutte le ideologie – altro non sono che espressione di interessi materiali, peraltro sempre ben riconoscibili come particolari, e spesso mal dissimulati come generali. Qui si è ben lungi, dunque, dal piangere sulla «morte delle ideologie» come per lo smarrimento del concetto di «bene comune» – sempre sineddoche, dacché mondo è mondo – intendendo solo richiamare l’attenzione sulla differenza che corre tra l’epica dell’egemonia culturale e l’avventurismo che ormai segna trasversalmente tutta la politica, per chiedere: con quale sfrontatezza si può lamentare la paurosa ignoranza dimostrata di continuo dai leader politici che oggi sono sulla piazza? Si è preteso fossero agili, duttili, pragmatici, disinvolti nel cambiare idea in corsa: si può pretendere, adesso, somiglino più a fini intellettuali che a volgari piazzisti?
Con quale faccia tosta si pretende, poi, che questi leader rinuncino all’attacco personale come arma più efficace nellagone politico, dopo aver festeggiato lavvento del partito che si identifica nella persona del proprio leader? Ne ho già parlato: «Se prima era il partito alla continua ricerca dei propri quadri dirigenti e di un leader che riuscisse ad incarnarne il portato etico-estetico, oggi chi ha la vocazione di farsi leader la persegue e la soddisfa nel riuscire a fare di un partito lo strumento del suo Io narrante, sicché in buona sostanza si può dire che egli è veramente leader quando il partito riesce a far propri i tratti di quel narrato. [...] Ieri il leader era la sintesi simbolica di un quid che oggi è sintesi simbolica del leader» (Appunti per una «Psicologia del Supercazzola» – Malvino, 16.7.2014).
Limbarbarimento del dibattito sulla cosa pubblica, dunque, sta molto più a monte di quanto si lamenta. Se la politica non è più tenuta a esprimersi come progetto, se chi regge le leve del comando non è tenuto a render conto di quanto possa aver tradito il programma col quale ha chiesto e ottenuto consenso, se le sorti di un partito sono indissolubilmente legate a quelle del suo leader, ogni cruccio è ipocrisia.  

martedì 28 febbraio 2017

Dj Fabo è riuscito a sottrarsi anche a questo

Ci sono questioni che più di altre offrono occasione di ricorso a quegli espedienti retorici, noti come fallacie, in grado di dare, almeno agli sprovveduti, parvenza di argomento a un vizio logico, ma nessuna ne consente un impiego così largo come quella relativa all’eutanasia, quasi esclusivamente in suo sfavore, ma non solo, perché anche fra quanti riconoscono all’individuo il diritto di suicidio assistito non mancano coloro – anche per loro, come gli altri, non ha importanza far nomi – che ricorrono all’appeal to popularity («Oltre il 75% degli italiani è favorevole a una legge sull’eutanasia»), all’appeal to novelty («In tutti i paesi più progrediti il diritto alla “buona morte” è riconosciuto da decenni») o all’appeal to emotion («Costringere a vivere chi vuole morire è una delle più feroci crudeltà»), il che è robetta rispetto a quanto è vomitato dal fronte opposto, soprattutto con la reductio ad Hitlerum (nella versione classica: «Anche i nazisti ammazzavano i malati cronici dicendo che era per mettere fine alle loro sofferenze»; o nei suoi derivati: «Hitler almeno i disabili li eliminava a gratis») e con lo slippery slope («Si finirà per sopprimere tutti quelli che lo Stato considererà un peso economico insostenibile»), ma pure all’appeal to authority («Il quinto comandamento è categorico: non uccidere»), all’appeal to belief («Ripugna al comune sentire che un debole debba essere soppresso per il solo fatto di essere un debole»), all’appeal to pity («Il malato terminale ha bisogno di amore, non di un’iniezione letale»), al bandwagon («Una legge che consentisse l’eutanasia opererebbe un’intollerabile pressione psicologica anche su chi non fosse pienamente motivato a ricorrervi»), all’appeal to tradition (nelle diverse forme date alla tradition: «La vita non è nella disponibilità di alcuno», «Una cosa è il gesto pietoso e discreto che i parenti riescono a strappare al medico, un’altra è l’omicidio di Stato giuridicamente configurato», ecc.), al confusing cause and effect («In tutti i paesi dove l’eutanasia è legale il numero di persone che vi ricorrono è in costante aumento») e alle varie forme, isolate o più spesso combinate, di reductio ad hominem, guilt by association e straw man argument (esempio più emblematico: «Dice niente che fra quanti sono in favore dell’eutanasia siano in tanti ad essere anche a favore dell’aborto, del matrimonio gay, dell’utero in affitto e della droga libera?»), sicché si potrà avere un occhio di riguardo per chi frapponga indugio a entrare nel merito della questione, chiedendosi se abbia senso scendere in un dibattito pubblico avvelenato da tante fallacie. Dj Fabo è riuscito a sottrarsi anche a questo.

domenica 26 febbraio 2017

«L’esercito di medici assenteisti»


Prendo in considerazione solo il Corriere della Sera per il rilievo della testata, ma, al momento in cui mi appresto a scrivere quanto segue, Google news indicizza almeno altre due dozzine di siti che trattano la notizia allo stesso modo, in oltre la metà dei casi proponendo lo stesso titolo scelto dal quotidiano di Via Solferino («Lesercito di medici assenteisti»).
In realtà, fra i 55 dipendenti dellOspedale «Loreto Mare» per i quali la Procura di Napoli ha disposto larresto, i medici sono solo 2 – gli altri sono infermieri professionali (18), operatori sociosanitari (11), tecnici di radiologia (9), addetti alla manutenzione (9) e amministrativi (6) – ma di questo non cè alcuna traccia nel testo dellarticolo cui rimanda il tweet del @Corriere, nel quale si arriva addirittura a «55 medici assenteisti».
Premetto: non ho parenti o amici fra gli arrestati; nutro sommo disprezzo per gli assenteisti, in generale, e per quelli della sanità pubblica, in particolare; giacché son medico anchio, sfido chiunque a trovare nelle tredici annate di questo blog un solo rigo speso in difesa della categoria. Ciò detto, mi pare evidente che quello del Corriere della Sera sia un pessimo modo di fare informazione. Altrettanto evidente mi pare ciò che lo produce, poco importa se intenzionalmente, e dunque in malafede, o involontariamente, per miserrima compulsione al sensazionalismo: è il sentirsi al di sopra della realtà, quindi in diritto di piegarla a unattenzione tutta pre-indirizzata, né più né meno di come accade nel creare un bisogno che si traduca in domanda motivata solo dallofferta.
Viene il sospetto che le tutte tirate del Corriere della Sera contro gli spacciatori fake news che infestano il web intendessero solo riaffermarne il monopolio. 

[...]

Da un moto appena percettibile del capo, in cui vera tuttavia già un franco annuire di piena approvazione, la riflessione di Luca Sofri sullobiezione di coscienza (Coscienze a gratisWittgenstein, 24.2.2017) è arrivata a strapparmi un «bravo!» a metà del post, un «bravissimo!» a tre quarti e al penultimo periodo un «dopo averne detto peste e corna tante volte, stavolta mi è dobbligo complimentarmi pubblicamente». Al penultimo periodo, per lappunto, perché lultimo, peraltro fatalmente superfluo (immaginate lultimo colpetto di scalpello sotto il quale a Michelangelo va in frantumi la Pietà), era il seguente: «Le coscienze gratis, son coscienze vuote» (soggetto-virgola-verbo, che di Luca Sofri è praticamente la firma). Impossibile darvi altrimenti, qui, lesatta espressione del mio sconcerto:


venerdì 24 febbraio 2017

Stronzone d’un monsignore

Manca solo il Giuramento di Ippocrate fra i logori arnesi retorici che il fronte clericale ha già tirato fuori dal suo armamentario per riaccendere la polemica antiabortista, stavolta sul bando di concorso che lOspedale «San Camillo» di Roma ha indetto per coprire i due posti necessari a rendere efficiente il servizio di interruzione volontaria di gravidanza precludendone la domanda a chi fosse obiettore di coscienza, ma vedrete che già oggi, sennò domani, al massimo dopodomani, non mancherà il pretino a rammentarci che ancora una volta la classe medica viola il solenne impegno che lo vincolerebbe, fra laltro, alla difesa dellembrione, il che non è vero, perché il testo del giuramento attualmente in vigore è quello redatto e approvato nel 2007 dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, nel quale non compare più il passaggio relativo al divieto di praticare interruzioni di gravidanza («a nessuna donna io darò un medicinale abortivo»), mentre il richiamo alla «difesa della vita» e al «rispetto della persona» lasciano piena liceità a garantire prioritariamente quella della donna, come è nello spirito della legge 194, e tuttavia, vedrete, anche stavolta non si rinuncerà a risfoderare come argomento larrugginito spadone del «medico che viola il Giuramento di Ippocrate», che neppure meriterebbe dessere degnato di attenzione, ma che una volta tanto – una volta per tutte – può farci rispondere: «Stronzone dun monsignore, vuole che per la fedeltà al testo di Ippocrate si giuri pure “per Apollo, Asclepio, Igea e Panacea”?».

[...]

Don Pietro Savastano (Fortunato Cerlino) tira giù la zip dei pantaloni, fa pipì in un flute e lo porge a Ciro Di Marzio (Marco DAmore), chiedendogli di bere, di bere tutto, come prova di piena obbedienza e incondizionata sottomissione: «Devo capire se mi posso fidare di te», gli dice. Siamo nel bel mezzo della seconda puntata della prima stagione di Gomorra (Stefano Sollima – Sky Atlantic, 2014), e Ciro Di Marzio beve. Indugia, per qualche istante sembra essere sopraffatto dal disgusto, poi accosta le labbra al bicchiere e manda giù il primo sorso, e sembra scosso come da un conato di vomito, ma lo frena, e beve ancora, beve tutto.
Scena di grande impatto drammatico, ma a Roma, in quello stesso istante, se ne sta girando una molto più forte. È accaduto che una sera Gennaro Migliore è andato a dormire pseudorivoluzionario e s’è svegliato pseudoriformista, è uscito da Sel ed è entrato nel Pd, ma sono passate già due settimane e Matteo Renzi tarda a saldare. Probabilmente deve ancora capire se si può fidare di lui. Starà pensando a quale prova di fedeltà chiedergli. Gli si sarà inceppata la zip. Poi ecco che la cosa si sblocca. A Renzi devessere tornato in mente quello che Migliore ha twittato qualche mese prima («Quello che viene chiamato Italicum ha lo stesso orrendo odore del Porcellum che arriverà a impestilentire tutto il Paese»), e allora riempe il bicchiere e glielo porge: il relatore dellItalicum a Montecitorio sarà lui. Nessun indugio, la relazione va giù come acqua della salute.
«Cambiare idea – scrivevo quattro anni fa – è legittimo, addirittura salutare, perché rivela duttilità mentale, capacità di elaborazione autocritica e rifiuto della coerenza come rappresentazione di un Io infallibile, perciò immutabile. A un patto, però. Che cambiare idea non sia motivato da un tornaconto e che si sia in grado di spiegare in modo adeguato cosa ce l’abbia fatta cambiare, meglio ancora chiarendo il come, cioè in che modo gli argomenti che sostenevano la vecchia sono caduti sotto il peso di quelli che sostengono la nuova» (Cambiare idea Malvino, 3.9.2013).
Comè evidente, formulavo la questione senza far cenno alla questione tempo, perché per «idea» intendevo «opinione»: prendevo in considerazione il cambiare idea su qualcosa, non la radicale trasformazione di un pensiero, soprattutto poi se di un pensiero strutturato su uno schema dottrinario rigido come ci si attenderebbe in chi si dichiara tanto comunista da volerlo addirittura rifondare, il comunismo. Mi si obietterà che il comunismo è una fede, e che una fede si può acquistare o perdere in una frazione di secondo: controbietterò che si può sostenerlo solo giocando sull’ambiguità di un termine come fede, perché è vero che un credo politico può esprimersi in forme assai simili a quelle dellappartenenza ad una confessione religiosa, ma non può darsi in forma di rivelazione.
Passi, dunque, per il cambiare idea sullItalicum, daltronde la legge aveva subìto pure qualche ritocchino. Ma quanto tempo ha impiegato, Migliore, per rifarsi la Weltanschauung? Perché una cosa è chiara, e pare evidente fuor di ogni dubbio dal raffronto tra quanto Migliore ha sempre detto e scritto fino ai primi mesi del 2014 e quello che si legge nella lettera che Il Foglio gli pubblica mercoledì 22 febbraio: si tratta di due idee di «sinistra» completamente diverse. Chiariamo, dunque: se Migliore sfiora la nostra attenzione, non è perché ci prende il gusto di impiccarlo a quel che affermava due o tre anni fa su Renzi e sul Pd, tanto meno per sbellicarci dell’accusa di «gattopardismo di una classe dirigente sempre pronta a riciclarsi» che muoveva a chi lo anticipava nel cambiare campo. Quello che ci interessa è altro: qual è il tempo minimo necessario per poter cambiare idea su cosa sia davvero «sinistra»?
Ecco perché sarebbe estremamente utile che Migliore trascurasse un po’ le sue peraltro scialbe comparsate televisive per dedicarsi alla stesura di un saggio, o almeno di un pamphlettuccio, che ci edifichi su come ha fatto a sbrigarsi tanto in fretta.

Postilla Nella lettera che Migliore scrive a Cerasa c’è un passaggio che desta una perplessità assai pungente: «Per me è di sinistra provarci, magari fallire, riconoscere l’errore e tornare a provarci. Come fece quel sarto a Ulm, appassionato di meccanica, che si schiantò al primo tentativo, ma non rinunciò a provarci. Come ha fatto Renzi». Il riferimento è alla nota poesia di Bertolt Brecht, nella quale il sarto prova a volare lanciandosi dal tetto della cattedrale di Ulm, ma precipita, e muore, andando a sfracellarsi sui «duri, duri selci del sagrato», senza alcuna possibilità di poter riprovare. Pare evidente che, al ritorno di Renzi a Palazzo Chigi, Migliore debba essere sottoposto a un’altra prova di fedeltà. 


giovedì 23 febbraio 2017

[...]

Direi che al San Camillo le cose siano state fatte proprio bene, perché il bando di concorso era per due unità di personale specificamente richieste per il servizio di interruzione volontaria di gravidanza, non per quello di Ostetricia e Ginecologia, quindi il diritto di obiezione di coscienza non è stato toccato: ogni obiettore aveva piena libertà di non partecipare al concorso, dopo aver preso atto che i suoi termini confliggevano con i propri principi. Certo, si alza il polverone, infuriano le polemiche, ma, dopo limmancabile e tormentato percorso ad ostacoli nelle aule dei tribunali, la cosa passerà. Anche stavolta, come con la legge 40, Beatroce Lorenzin avrà di che logorarsi i nervi. 

mercoledì 22 febbraio 2017

[...]


«Scoperto sistema solare
con 7 pianeti “fratelli” della Terra»
(ansa.it, 22.2.2017)

 
La massima velocità raggiunta da una navicella spaziale con equipaggio umano a bordo è stata di 39.800 km/h (Apollo 11), ma il mezzo più veloce mai realizzato a tuttoggi è arrivato ai 252.000 km/h (Helios 2). Concesso che un equipaggio umano possa essere imbarcato senza alcun problema su una navicella spaziale che viaggi anche al doppio di questa velocità, in un giorno sarebbe a 12.000.000 km di distanza dalla Terra, e in un anno a 4.380.000.000 km. Quanti anni dovrebbe impiegare per coprire la distanza di 39 anni-luce, e cioè di 368.979.000.000.000 km? 84.241 anni, 8 mesi e 11 giorni. Ce ne vorrebbe il doppio, ovviamente, se non si riuscisse a raddoppiare la velocità della sonda Helios 2. Se poi non fosse possibile far viaggiare un equipaggio umano a una velocità maggiore di quella toccata dallApollo 11, sarebbe necessario poco più di un milione di anni. Ma perché essere pessimisti? Ammettiamo di riuscire a costruire entro domani una navicella spaziale che possa imbarcare un equipaggio umano e farlo viaggiare ad una velocità addirittura quadrupla rispetto al mezzo più veloce fino a oggi realizzato, e cioè a un milione di chilometri allora: quanto tempo impiegherebbe per raggiungere uno dei «pianeti “fratelli” della Terra» che orbitano attorno a Trappist-1? Più di 20.000 anni.
L’altrieri qui si citava il saggio di Adorno sul grande inganno dell’astrologia, oggi ci tocca considerare che pure l’astronomia nutrire può illusioni.

lunedì 20 febbraio 2017

Barzelletta


Chi pretendesse di spiegarci la piattaforma politica di Donald Trump con quella brutta opposizione Sole-Luna che funesta il suo tema natale, cercando di convincerci che le ragioni del consenso tributatogli da un ceto medio americano pesantemente strapazzato dallo scoppio della bolla immobiliare del 2007 siano tutte in quel suo Marte congiunto all’Ascendente in XII Casa che cattura l’empatia di chi ha bisogno di dar sfogo alla propria rabbia repressa, non sarebbe a corto di armi (almeno potenzialmente) persuasive: orario, data e luogo di nascita di Donald Trump sono noti, le effemeridi sono precise al decimo di grado, tutto si sa sulla natura dei Segni, dei Pianeti e delle Case, come negare che anche nel suo caso l’analisi astrologica risponde in modo sorprendente a quanto ci è dato constatare in tutto ciò che fa e che dice, rivelando peraltro significative concordanze tra aspetti zodiacali e modelli comportamentali anche abbastanza complessi? L’opposizione Sole-Luna, per esempio: dice niente che nel tema natale ce l’abbia pure un altro populista come Beppe Grillo (Sole in Cancro, Luna in Capricorno)?
Pseudoargomenti, come è evidente, ma provate a dire a chi nell’astrologia ci crede che quella non è una scienza: vi mostrerà i suoi fogli pieni di cifre e simboli, vi dirà che dietro ogni sua affermazione ci sono una montagna di calcoli e una tradizione ultramillenaria. Provate a dirgli, allora, con Theodor Adorno, che «si può pure ammettere che gli elementi dell’astrologia presi isolatamente siano razionali», ma che «da una parte ci sono le stelle [e] dall’altra c’è la vita empirica dell’uomo», e che «nell’astrologia non c’è nulla di irrazionale tranne il suo assunto decisivo che queste due sfere di conoscenza razionale siano connesse fra loro» (Soziologische Scriften, II): scuoterà il capo e vi rimanderà ai Psychologische Typen e alla Synchronizität als Prinzip akausaler Zusammenhänge di Gustav Jung.
Lì potreste obiettare che quella di Jung non è psicoanalisi, ma filosofia e, forse peggio, teologia; che, a differenza di Freud, sempre attento al substrato biologico, dunque convinto materialista, Jung era uno spiritualista eclettico e per giunta pasticcione; che, insomma, quella freudiana è scienza medica, quella junghiana no; che dunque pensare di poter dire qualcosa su Trump a partire dal suo tema natale è da ubriachi: Trump è un caso clinico, e come tale va trattato.
«Ubriaco sarà lei», potreste allora sentirvi dire alle spalle, visto che la discussione con l’astrologo si è tenuta – dimenticavo di dirlo – in una barzelletta, una di quelle che attaccano col classico «c’erano un tedesco, un francese, un inglese e un italiano...», qui nella variante «c’erano un astrologo, un freudiano, un marxista...». A darvi dell’ubriaco, infatti, è un marxista, ma di quelli seri e preparati.
«Troppo facile dargli del matto», attacca. «Troppo comoda la scorciatoia della psichiatria per spiegare i fatti storici. [...] Non voglio negare il ruolo delle singole personalità, e delle loro patologie, nella storia, tuttavia queste personalità, con le loro variegate mende psicotiche, sono esse stesse un prodotto di una particolare situazione storico-sociale. Che poi ad occuparsene siano i psicoanalisti è, dal mio punto di vista, davvero paradossale. La psicoanalisi può essere di tutto, ma alla sua base non c’è nulla, assolutamente nulla, di scientifico. È una dottrina borghese che per decenni ha fatto comodo per spiegare i fenomeni umani (sociali) nella chiave delle forme ancestrali del desiderio sessuale (biologico) e per spiegare il prodotto dell’attività culturale dalle condizioni e dalle esperienze psichiche dell’uomo contro ogni specificità della dialettica apportata dalla presenza umana nel mondo. La coscienza ha invece un contenuto per eccellenza sociale e una forma storicamente determinata. Il che non significa ancora che tra la forma della coscienza individuale e le forme cristallizzate della coscienza sociale – cioè i sistemi ideologici – vi sia equivalenza. E tuttavia le forme della coscienza individuale hanno necessariamente un’accentuazione ideologica – in ciascun caso – secondo “costellazioni” e gradi diversi» (*).
Qui, a sentir parlare di costellazioni, l’astrologo ha un guizzo: «Visto che le stelle...?», ma è subito zittito: «Zitto, lei, cretino». E rivolto al freudiano: «È evidente che lei non abbia letto Vološinov, dico bene?». Il freudiano si risente e fa per dire: «A leggerlo, l’ho letto, ma...». «Bene – lo interrompe il marxista – allora dovrebbe esserle chiaro che non è la psiche che spiega i comportamenti, ma è proprio essa a dover essere spiegata attraverso i comportamenti. I processi che fondamentalmente definiscono il contenuto della psiche, infatti, avvengono non dentro ma fuori dell’organismo individuale, pur comportando la sua partecipazione attiva: sono cioè processi sociali interiorizzati mediati dalla parola, dalle forme ideologiche con cui si è entrati in rapporto nel corso dell’attività pratica di produzione della vita...».
«Siamo alle solite», dice un quarto personaggio entrando nella barzelletta per unirsi agli altri tre: a occhio si direbbe un nerd, ma la giacca di velluto rivela in lui il ricercatore nel campo delle neuroscienze. «Siamo allo stramaledetto riduzionismo di scuola sovietica: tutto è sociale, non c’è substrato biologico, è questo che intende dire? E questo me lo chiama materialismo? Dica un po’, compagno: ha intenzione di suggerirci pure la lettura di Lysenko?». E qui partono schiaffi, sputi e pugni, vola perfino qualche sedia. Il freudiano cerca di mediare, ma finisce in mezzo, beccandosi pure qualche calcio in bocca, che, come tutti sanno, è trauma di non semplice rimozione.
Mentre i tre si pestano di santa ragione, l’astrologo sgaiattola via, lasciandosi andare a una mesta riflessione: «Senza dubbio avranno tutti e tre un Marte leso in I Casa, non c’è altra spiegazione».

domenica 19 febbraio 2017

Postilla


Torno sulla questione che *** (si qualifica come psicoterapeuta, prega di essere lasciato nellanonimato) mi rimprovera di aver affrontato nellultimo mio post in modo «inusualmente superficiale» (variante poco più garbata del solito «fai torto alla tua intelligenza, stronzo»), «eludendo – così scrive – le ragioni di natura deontologica che sono evidenti nel richiamo dellAmerican Psychiatric Association al Goldwater Rule», che chi la presiede – mi ragguaglia – aveva già fatto nello scorso agosto (link), quando su Donald Trump già piovevano numerose «remote diagnoses» di «grave emotional instability», perfino da «soggetti professionalmente non qualificati», e qui, in cauda venenum, *** fa cadere un ulteriore rimprovero, ancorché carinamente tutto implicito: «come in Italia accade per Matteo Renzi».
Eccomi, dunque, chiamato a rispondere del perché ritengo sia del tutto lecito che 35 psichiatri americani decidano di esprimere pubblicamente il loro qualificato parere sulla salute mentale di Donald Trump dichiarandolo «incapable of serving safely as president» dalle pagine del New York Times, anche senza averlo mai averlo avuto neppure un quarto dora sul loro lettino. Farò prima, tuttavia, col dire perché ritengo sia lecito affermare che Matteo Renzi è afflitto da un severo «narcissistic personality disorder» anche senza avere appeso alle spalle un diploma di psicoanalista, che invece sarebbe indispensabile per individuarne le cause, altrimenti solo ipotizzabili (sarà stato per quella volta che Leonardo Pieraccioni e Massimo Ceccherini gli strofinarono lortica sul culo quandera un ragazzino?).
E dico: bastano una copia del DSM-5 e larchivio delle dichiarazioni pubbliche da lui fatte negli ultimi sette anni (Youtube le raccoglie quasi tutte) per riconoscere in lui tutti i sintomi del «narcissistic personality disorder», peraltro combinati a una così spiccata inclinazione alla manipolazione, a una così marcata aggressività egosintonica e a una così accentuata coloritura paranoide dei suoi costrutti motivazionali da sollevare tuttal più il dubbio di trovarci piuttosto dinanzi a quella «dimensione di comportamento antisociale che collega il disturbo narcisistico di personalità con il disturbo antisociale di personalità e il narcisismo maligno» (Otto Kernberg).

venerdì 17 febbraio 2017

[...]

AllAmerican Psychiatric Association spetterebbe il dovere di bollare come irresponsabili e immorali tutti gli psicoanalisti che dal 1933 ad oggi hanno osato sparare una diagnosi su Adolf Hitler senza mai averlo avuto neanche un quarto dora sul loro lettino, e di farlo senza alcun timor reverenziale, visto che nella lista figurano nomi come Gustav Jung, Erich Fromm e Alice Miller.
Non accadrà, ovviamente. Accade, invece, che lAmerican Psychiatric Association si affretti a redarguire i trentacinque psichiatri che hanno firmato una lettera inviata al New York Times nella quale si sono azzardati a dire che Donald Trump è «incapable of serving safely as president» perché affetto da «grave emotional instability»: condotta «unethical» e «irresponsible», dice Maria Oquendo, che dellassociazione è la presidentessa, e che avrà pure un cognome che profuma di guacamole, burrito ed enchiladas, ma evidentemente devessere una messicana molto ben regolarizzata e dunque non corre il rischio di essere rispedita nellavita patria, oltre il muro.
«Unethical» e «irresponsible», i trentacinque, perché la diagnosi non è stata fatta dopo otto anni di analisi con tre sedute a settimana al costo di 120 dollari cadauna? Macché, perché i pazienti che sono in analisi «might lose confidence in their doctor» sentendo che implicitamente li si dichiara «“unfit” or “unworthy” to assume the presidency» degli Stati Uniti solo perché affetti da un «mental disorder».
Come darle torto? Provate a immaginare la frustrazione in cui sarebbe precipitato il povero caporale austriaco che avesse letto sul giornale che il professor Freud sconsigliava il cancellierato agli schizofrenici paranoidei.

martedì 14 febbraio 2017

Gabbani, il post-Battiato


Due canzoni spiccano fra le venticinque fin qui incise da Francesco Gabbani, e non solo perché hanno riscosso successo di pubblico e favore di critica incomparabilmente maggiori, ma soprattutto perché testi e musiche, che mostrano tra loro marcate analogie, le differenziano notevolmente dalle altre ventitré: parlo di Occidentalis Karma, che laltrieri ha vinto la 67ª edizione del Festival di Sanremo e ieri già infuriava ovunque come tormentone, mentre su Youtube già aveva superato gli otto milioni di click; e di Amen, che lanno scorso si piazzò al primo posto nella sezione Nuove proposte della stessa manifestazione canora, vincendo anche il premio della critica e quello per il miglior testo.
Due canzoni assai orecchiabili e con testi, entrambi a firma di Fabio Ilacqua, che riprendono il modello del patchwork di citazioni alte e basse che fu inaugurato da Franco Battiato nellultimo scorcio degli anni 70 del secolo scorso coi suoi intriganti mix di suggestioni pescate alla rinfusa dal classico e dal pop, dalletno e dalla dance, dal sacro e dal profano, dallaulico e dal prosaico.
Già riconoscibile in Amen, ma espressamente manifesto in Occidentalis Karma, il modello si mantiene ben lontano dagli eccessi in cui Battiato parve compiacersi di cadere per il gusto della provocazione, da sempre una delle peculiari cifre della sua arte: le citazioni sulle quali le note di Gabbani ci invitano a ballare sono chiaramente riconoscibili anche da un pubblico che abbia livello culturale medio-basso, andando in questo modo a rivelare, da un lato, il fine posto nell’operazione artistica e, dall’altro, il genere di ascolto che mira a conseguire.
Dal successo riscosso da Gabbani con queste sue due prove direi si possa trarre un eloquente indicatore del mutamento di gusto che la società italiana ha subìto negli ultimi decenni: continua ad essere rapita dall’epopea della crisi come crinale del divenire umano, ma ora pretende che essa abbia più saldi agganci al milieu in cui può celebrarla.

lunedì 13 febbraio 2017

[...]

Del tempo non siamo mai riusciti a costruirci un’idea che ci soddisfacesse del tutto, sicché ogni tanto ci è sembrato necessario darle un ritocchino, senza però mai mettere in discussione che si trattasse di una dimensione dalla continuità omogenea e inalterabile, entro la quale agisse un flusso perpetuo e irresistibile, necessariamente unidirezionale: da «immagine mobile dell’eternità» (Platone) a «quantità [che] rimane sempre uguale e immobile [e che] per sua natura [è] senza relazione ad alcunché di esterno» (Newton), in fondo, cambiava poco o niente.
Da qualche tempo, tuttavia, il tempo non è più quello di un tempo. Si è scoperto, infatti, che fa tutt’uno con lo spazio nel dare all’universo quella «struttura quadridimensionale» (Einstein) che ha trovato ampia comprova in questi ultimi decenni, e tuttavia resta concetto cui la nostra mente oppone ancora resistenza, come d’altronde accade ogniqualvolta siamo costretti a rinunciare a rappresentazioni di questo o quell’aspetto del reale così come sono venute a consolidarsi lungo i secoli.
Prova ne è che per la storia, «emula del tempo» (Cervantes), ci è pressoché impossibile abbandonare lo schema che ce la rappresenta come incessante scorrimento di eventi che si susseguono linearmente. Se è vero, infatti, che la storia non è la mera successione degli eventi, ma quanto se ne ricava dall’averli sottoposti a esame (più precisamente, a ιστορία, cioè a ispezione), è altrettanto vero che fin qui non si mai è riusciti a rappresentarne la continuità in altro modo che sulla bidimensionalità di un piano, ora come retta (tuttal più spezzettata in segmenti), ora come ciclo (tuttal più aperto in sinusoide), arrivando a stento a immaginarcela spiraliforme (e dunque a conferirle una profondità, in 3D): come ci resta difficile concepire l’evento nel cronotropo, così ci resta difficile dare quadridimensionalità alla storia. E chissà che non dipenda da questo l’incapacità a spiegarci ciò che in essa fa da materia oscura e buco nero.

giovedì 9 febbraio 2017

Niente di più, ma neppure niente di meno

Di ieri la notizia che a Roma, nellambito di un filone collaterale allinchiesta cosiddetta Mafia Capitale, 113 posizioni, fra le quali quelle di Gianni Alemanno e di Nicola Zingaretti, hanno trovato archiviazione relativamente allipotesi del reato di cui allart. 416 bis del Codice Penale. A chi si è prontamente speso per portare la notizia a sostegno della tesi che lassociazione a delinquere cui Massimo Carminati è ascritto a capo non fosse di tipo mafioso occorre far presente che il filone dindagine in oggetto è – appunto – collaterale (dunque non ha inerenza a quanto viene addebitato agli imputati del troncone principale) e che le posizioni allattenzione del gip erano in tutto 116, sicché il reato di cui sopra arriva a imputazione per le restanti 3 posizioni, che in caso di condanna darebbero sussistenza alla fattispecie, visto che a fare «associazione di tipo mafioso» bastano – appunto – «tre persone», e tuttavia, per ragioni uguali e contrarie, laddove pure questo accadesse, non sarebbe ancora dimostrato che quella di Massimo Carminati fosse «associazione di tipo mafioso» (occorrerebbe attendere la sentenza relativa alla sua posizione).
Più in generale, come più volte qui si è rammentato, la vicenda giudiziaria in oggetto non pone in discussione lesistenza della mafia a Roma, soprattutto poi se a mafia sintende dare il significato di una struttura «storicamente» definita (cosa che spesso viene strumentalmente data implicita), ma la rispondenza o meno dellassociazione a delinquere ai caratteri cui il testo di legge dà la denominazione «di tipo mafioso». Resti pure aperta la discussione sullart. 416 bis, ma, fino a quando non sarà modificato, solo di questo occorrerebbe discutere: «coloro che ne fa[ceva]no parte si avval[eva]no della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva[va] per commettere delitti, per acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di attività economiche, di concessioni, di autorizzazioni, appalti e servizi pubblici o per realizzare profitti o vantaggi ingiusti per sé o per altri»? Il testo non contempla coppole o lupare, né omicidi o stragi, e in realtà non vuole neanche dare una descrizione di mafia, limitandosi a delineare una tipologia di associazione che nella mafia «storicamente» definita trova una rispondente analogia dei tratti peculiari sul piano strutturale-funzionale, non su quello etico-estetico. Niente di più, ma neppure niente di meno.