martedì 3 maggio 2016

[...]

Intervistato da Cazzullo (Corriere della Sera, 3.5.2016), Napolitano dà forza al sospetto che la vecchiaia non sia affatto il prezioso tabernacolo di virtù descrittoci da Cicerone e da Seneca, ma solo il prepuzio in cui si ritrae il vizio che la gioventù ha orgogliosamente esibito in tutto il suo turgore. Così, come da giovane definiva «spregevoli provocatori» gli ungheresi in rivolta contro la dittatura comunista, salutando larrivo dei carri armati sovietici come «contributo alla pace nel mondo», oggi Napolitano liquida come «conservatori» i contrari allo scempio della Costituzione.
Se non «conservatori», «perfezionisti»: a dire che la merda è merda, vuol dire che si è incontentabili. Se non «conservatori», se non «perfezionisti», intellettualmente disonesti: «si colpisce la riforma per colpire Renzi». Ma chi, se non lo stesso Renzi, ha inteso fare del referendum che si terrà in ottobre un plebiscito sulla sua persona? Sì, è vero, «Renzi non avrebbe dovuto dare questa accentuazione politica personale», ma, «prima del voto definitivo sulla legge ha corretto il tiro, ha evitato quella accentuazione, è entrato nel merito», fa niente che un minuto dopo abbia ricominciato a dire che a ottobre si giocava il culo e la faccia, dimostrando ancora una volta che in lui coincidono.

Sempre lo stesso, Napolitano: diligentemente fascista, fino a quando il fascismo resse; diligentemente togliattiano, fino a quando Togliatti fu vivo; di simpatie craxiane, quando Craxi era allo zenith; cantore della questione morale ai tempi di Mani pulite; gradito a Berlusconi il tanto che bastasse a non buscarsi un veto per il Quirinale; e ora renziano, sennò che altro?
Il governo Renzi procede a colpi di decreti sui quali mette di continuo la fiducia? Tutto normale, finito il tempo in cui «le distinzioni e le garanzie già fissate nella nostra Costituzione, e in leggi di particolare rilevanza istituzionale, vanno rigorosamente rispettate [perché non venga meno] il ruolo di indirizzo e di controllo del Parlamento, della sua autorità e dignità di suprema rappresentanza democratica [altrimenti mortificate dai] comportamenti di governo [che invece è tenuto ad un] ossequio non formale, alieno da insofferenze e arroganze, alle prerogative delle Camere» (Dove va la Repubblica, Rizzoli 1994 - pag. 180).
Referendum del 17 aprile: Renzi invita allastensione? L’invito è legittimo. Nel 2005 non lo era: era un «venir meno a una norma di comportamento fondamentale, che è quella del sollecitare i cittadini a esprimersi» (Radio Radicale, 8.6.2005).
Anche quando sembrerebbe avere riserve sugli atti del governo Renzi, è solo per esortare a votare tutte le schifezze che scodella, poi eventualmente si miglioreranno, le opposizioni saranno benevolmente invitate a dare una mano, e chissà che questo non possa creare il clima favorevole a un tanto atteso Partito della Nazione: così l’anno scorso con l’Italicum, così oggi con la riforma costituzionale, perché, sì, è legittimo che si abbiamo riserve, ma è indispensabile approvarla, e poi, «una volta approvata, bisognerà mettersi al lavoro per costruire davvero questo nuovo Senato, e trarre dall’esperienza le possibili conseguenze».

Genuinamente renziano, dunque: fare per fare, e fare subito, poi eventualmente, se intanto non ci è caduto tutto addosso, si tappano i buchi, ma intanto fare, fare, fare, ché, «se si affossa anche questo sforzo di revisione costituzionale, allora è finita: l’Italia apparirà come una democrazia incapace di riformare il proprio ordinamento e mettersi al passo con i tempi». Come sottovalutare l’allarme chi ha sempre dimostrato di saper essere al passo coi tempi, e tutti i tempi?

lunedì 2 maggio 2016

Questa riforma costituzionale è incostituzionale

Una sentenza della Corte costituzionale, la n. 1146 del 29 dicembre 1988, recita: «La Costituzione italiana contiene alcuni principi supremi che non possono essere sovvertiti o modificati nel loro contenuto essenziale neppure da leggi di revisione costituzionale o da altre leggi costituzionali. Tali sono tanto i principi che la stessa Costituzione esplicitamente prevede come limiti assoluti al potere di revisione costituzionale, quale la forma repubblicana, quanto i principi che, pur non essendo espressamente menzionati fra quelli non assoggettabili al procedimento di revisione costituzionale, appartengono allessenza dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione italiana». È quanto basta perché la riforma costituzionale votata da questo Parlamento possa essere messa in discussione, fino ad essere dichiarata costituzionalmente illegittima, anche se venisse confermata dallesito del referendum che si terrà ad ottobre: sarebbe sufficiente dimostrare che quanto è stato riscritto, nel dettaglio o nel complesso, sovverta o modifichi, nel suo contenuto essenziale, uno o più principi non assoggettabili al procedimento di revisione. La stessa sentenza della Corte costituzionale, daltronde, rammentava di aver «già riconosciuto in numerose decisioni come i principi supremi dellordinamento costituzionale abbiano una valenza superiore rispetto alle altre norme o leggi di rango costituzionale», riaffermando di essere «competente a giudicare sulla conformità delle leggi di revisione costituzionale e delle altre leggi costituzionali», perché, «se così non fosse, si perverrebbe allassurdo di considerare il sistema di garanzie giurisdizionali della Costituzione come difettoso o non effettivo proprio in relazione alle sue norme di più elevato valore».
Ciò premesso, si potrebbe già passare, articolo per articolo, allanalisi del testo costituzionale così come riscritto dalla banda di mascalzoni da oltre due anni inserrata a Palazzo Chigi e approvato dal Parlamento di cooptati sub condicione consegnatoci dal Porcellum. Lo faremo, fino a ottobre cè tempo, daltronde non sarebbe neanche necessario, perché fin qui non è mancato chi ha segnalato più di un vulnus ai principi contemplati dalla I parte della Costituzione in un testo che peraltro abbonda di fumose ambiguità e sconcertanti paradossi, al netto di un lessico di merda, che rivela tutta la zoticaggine di chi lha steso. Tutto sommato, però, sarà superfluo: da un lato, è nel suo insieme che questa riforma costituzionale è incostituzionale, dallaltro, solo la Corte costituzionale è autorizzata a sancirlo. Non sto affermando che il referendum di ottobre sia inutile: è di piana evidenza che una vittoria dei no farebbe a pezzi la riforma. Di fatto, tuttavia, una vittoria dei sì non ne assicurerebbe la tenuta al vaglio della Consulta, anche se potrebbero volerci due o tre anni prima di mandarla al macero.
Anche nel caso del referendum confermativo, dunque, come ampiamente discusso su queste pagine nel caso di quello abrogativo, il risultato della consultazione non sarebbe dirimente. E meno male, vorrei aggiungere. Dove un popolo smarrisce ogni dignità, è più che sacrosanto perda ogni sovranità, è più che ovvio perda voce in capitolo sui fondamenti della legge, è più che naturale – direi salutare – una supplenza della magistratura.

Flatus vocis

È credibile che nessuno, a Palazzo Chigi, sapesse che Federica Guidi fosse moglie, fidanzata, semiconvivente o sguattera, che dir si voglia, di Gianluca Gemelli? Ma certo che è credibile, figuriamoci se in Consiglio dei Ministri, con tutta quella fregola del fare per fare, presi com’erano, tutti quei cervelloni, da una riforma costituzionale come quel bel po di riforma costituzionale, da un Job Acts come quel bel po di Job Acts, da un Italicum come quel bel po di Italicum, abbiano mai avuto un attimo di tempo per frivoli pissi-pissi erotico-sentimentali. No, mi ci gioco un coglione: nessuno sapeva, e poi quell’emendamento era bello di suo.
Per questo non ho difficoltà a giocarmi anche l’altro coglione sul fatto che nessuno, a Palazzo Chigi, sappia del tenero idillio che, almeno a detta delle più perfide malelingue di Afragola e dintorni, pare a tutt’oggi stringa un ministro e un’aspirante alla guida di uno dei municipi in palio alle imminenti elezioni amministrative.  Poco probabile che l’amante del ministro diventi sindaco, poi  va a sapere se il flatus vocis corrisponda al vero, va a sapere quanto ci acchiappino, i sondaggisti. Però già immagino il contenuto di eventuali intercettazioni telefoniche tra i due, e il voyeur sopito in me fa il tifo per il povero ministro: «Mi tratti come un toy boy di Capoverde...»

giovedì 28 aprile 2016

Paralisi

Dal ribaltamento sintattico dei luoghi comuni (per esempio, «luomo è il miglior amico del cane») e dalla conversione lessicale di uno o più elementi che in essi sono inclusi (per esempio, «il pesce puzza dalla coda»), per conseguente e pressoché costante effetto ironico, iperbolico o paradossale, si ricavano spesso delle inaspettate e sorprendenti perle di saggezza che dimprovviso illuminano aspetti del reale che la frase fatta, il motto, il proverbio, la sentenza, ma anche la semplice espressione idiomatica, sembrano allora come aver voluto fin lì occultare sotto la rassicurante coltre di ovvio che conferiva loro autorità. È per questo che, anche quando non è intenzionale, il risultato di queste operazioni assume spesso un tratto dissacrante, talvolta perfino eversivo, comunque di sfida, così comè con quelle che sono di comune impiego nellenigmistica (bisenso, scarto, cambio, zeppa, metatesi, ecc.), dove il fine è quasi esclusivamente posto nella sorpresa. Altre volte, tuttavia, rovesciare il concetto espresso da un luogo comune non aggredisce affatto il fondo di realtà di cui ogni luogo comune, anche il più abusato, può a buon diritto dichiararsi depositario, con ciò riuscendo solo a offrirsi come prova che ogni tentativo sia inutile, e che quel fondo di realtà sia inattaccabile, sicché assume la funzione del buffone a corte, cui è concesso e perfino richiesto che sia irriverente nei confronti del re, ma solo perché sia data prova di quanto sia ridicolo ogni tentativo di lesa maestà. Così accade anche con la satira di regime, che non a caso si serve spesso di strumenti opportunamente smussi, com’è nel caso della parodia dell’oppositore. Un esempio è offerto dal tweet di ...

Uno prova ad argomentare, poi arriva il tizio che, cacchio cacchio, tomo tomo, al tweet di ... risponde: battuta che manco mi nonna, pure senza apostrofo, e ti risparmia il post, però rimani paralizzato per due giorni. 


lunedì 25 aprile 2016

Parla il Papa

Allora dieci, cento, mille Davigo

Vorrei parlare dellintervista che Piercamillo Davigo ha concesso ad Aldo Cazzullo (Corriere della Sera, 22.4.2016), ma mi sono indispensabili due premesse, senza le quali temo sarei pesantemente frainteso. Non escludo affatto che sarò frainteso lo stesso, ma premettere quanto segue mi farà sentire con la coscienza a posto. Cercherò di essere breve.
Tempo fa, su queste pagine, scrivevo che «la caricatura del giustizialista è un gioco da ragazzi», mentre col garantista è molto più difficile. La maschera del giustizialista è «ciliosa, biliosa, ha labbra strette, reca lo stampo di un cruccio perenne che si stempera in un malvagio sorriso di soddisfazione, sempre spietata, solo quando vede il cappio stringersi al collo del colpevole, anche quando è solo presunto tale», ma comè, mi domandavo, «la maschera del tizio che pretende sempre tre gradi di giudizio per dire colpevole chi è colto in flagrante, e che dinanzi all’intercettazione telefonica nella quale un criminale si autoaccusa di un delitto solleva la questione se mettergli la cimice sia stato lecito, e che riesce sempre a trovare un diritto negato a ogni fetente della peggior risma, e più fetente è, più sembra andare in brodo di giuggiole a trovargliene uno da spendersi per garantirglielo?». Bene, direi che unottima caricatura del garantista ci è stata offerta da quanti hanno reagito allintervista di Piercamillo Davigo cadendo in convulsione isterica.
Seconda premessa. Suonerà patetico, so bene, ma io continuo a credere nella democrazia e nel liberalismo. Ormai sono irriconoscibili, non c’è bisogno di farmelo notare, concedo che negli ultimi trent’anni abbiano dato il peggio, finendo per dar ragione perfino a chi afferma che siano impossibili in assoluto e incompatibili l’una all’altro. Ci sarà chi mi vorrà convincere che il guasto è intrinseco alla loro stessa natura, e anche qui io non solleverò obiezioni: basta un niente, e la democrazia si svuota per lasciar di sé al massimo la forma, pronta a riempirsi di orribili schifezze, e così il liberalismo, che troppo spesso offre spiragli a tutto ciò che è illiberale, finendo per tollerare, come unica diversità, la diseguaglianza. Non farò come i marxiani, che in nessuno degli esempi offerti dalla storia riconoscono il vero socialismo (altra cosa dai marxisti, che spesso si accontentano anche del peggio), né farò come i cristiani, che per la comprensione di quanto sia perfetta la creazione rimandano a quanto ci sarà rivelato dopo la morte, ma solo se da vivi ne sopportiamo i difetti e rinunciamo a metterci mano: democrazia e liberalismo sono solo metodi, non reggono in virtù di una teoria che gli dà un fine ultimo, né tanto meno reggono sulla forza di una fede che sospenda il giudizio sui dati dellesperienza. Democrazia e liberalismo reggono solo sul rispetto delle leggi che ne impediscono il fallimento, e nulla più della corruzione lo favorisce: con la corruzione che alimenta linteresse personale nell’adempimento di una funzione pubblica, il principio della rappresentanza viene minato alla base; con la corruzione che altera la misura del merito nelle dinamiche della libera concorrenza, il mercato diventa un tritacarne. Lassassino ne uccide uno, due, dieci, cento, ma il patto tra corrotto e corruttore ferisce tutti.
Vabbè, volevo essere breve, e non ci sono riuscito. Vorrà dire che invece di analizzare frase per frase ciò che Piercamillo Davigo ha detto ad Aldo Cazzullo, mi limiterò a considerare solo il passaggio che ha sollevato più polemiche: «Non hanno smesso di rubare; hanno smesso di vergognarsi. Rivendicano con sfrontatezza quel che prima facevano di nascosto. Dicono cose tipo: “Con i nostri soldi facciamo quello che ci pare”. Ma non sono soldi loro; sono dei contribuenti».
È sembrato fosse unodiosa generalizzazione, laffermazione di una presunzione di colpevolezza per tutta la classe politica italiana. Impressione errata, a mio modesto avviso. Volutamente errata, forse, nel tentativo di far quadrato contro quello che così potesse essere denunciato come il tentativo di una generale condanna preventiva. Sta di fatto che allappello hanno risposto solo i partiti che hanno fra i loro eletti il maggiore numero di indagati, rinviati a giudizio e condannati in primo grado o in via definitiva, con ciò dando conferma di quanto il presidente dellAnm aveva detto appena due giorni prima, e proprio a smentire ogni insinuazione di vulnus al diritto: «La presunzione d’innocenza è un fatto interno al processo, non c’entra nulla coi rapporti sociali e politici» (Il Fatto Quotidiano, 20.4.2016). La responsabilità penale è personale, certo, ma, dinanzi al reato come costante sistemica, cè una responsabilità politica che è di sistema, ed è in tale sistema che «non esistono innocenti, ma solo colpevoli non ancora scoperti». Quando la classe politica non è in grado di darsi strumenti per prevenire la corruzione, prima, ed emarginare i corrotti, poi, è colpevole: contro la democrazia, contro il liberalismo. Quando in favore dell’indagato, dell’imputato, del condannato, se appartenente alla classe politica, la garanzie diventano guarentigie, il garantismo diventa una maschera, anche parecchio grottesca. Allora dieci, cento, mille Davigo.

domenica 24 aprile 2016

La fine dell’assoluto

Riproduco qui sotto il primo e lultimo capoverso dellarticolo a firma di Edoardo Boncinelli che oggi è su la Lettura (Corriere della Sera, 24.4.2016), a prolegomeno per ogni ciancia metafisica.


venerdì 22 aprile 2016

[...]


«L’italiano non è l’italiano: è il ragionare»
Leonardo Sciascia, Una storia semplice (1989)

Quando si parla di analfabetismo funzionale, ci si limita a considerare l’incapacità di comprendere un testo relativamente semplice, produrne uno sufficientemente adeguato a esprimere quanto sia nelle intenzioni di chi scrive, eseguire calcoli anche estremamente facili e risolvere problemi non eccessivamente complicati – incapacità che per ciascuna delle dette operazioni è opportunamente valutabile grazie a test che ne rivelano la gravità caso per caso – come espressione di un mero deficit di nozioni, che per quanto attiene al leggere e allo scrivere sarebbero grammaticali, sintattiche e lessicali, quasi che il problema debba ritenersi relativo solo al grado di istruzione, e in sostanza all’acquisizione, al corretto uso, alla necessaria manutenzione degli utensili impiegati per comunicare, dimenticando che a informare la struttura del linguaggio sono le leggi della logica, sicché non è affatto azzardato affermare che a ogni analfabeta funzionale corrisponda un individuo che non ragiona affatto o che ragiona male.
Questo primo capoverso poteva essere spezzettato in dieci frasi per renderne più agevole la lettura? Senza dubbio, ma a che scopo? Per non pretendere dal lettore una continuità di attenzione che già a un terzo della sua lunghezza – concedo – può risultare faticosa. È così che deve aver preso piede la premura di costruire frasi brevi: dal tronco della proposizione principale vengono potate le coordinate, le subordinate e le incidentali, senza togliere efficacia comunicativa al testo, sia chiaro, ma rinunciando a dargli una forma che corrisponda allarticolazione logica che lo sostiene. In altri termini, la scelta è quella di disarticolare i processi logici, ritenendo che non sia essenziale assicurarne la continuità per dar ragione del loro sviluppo. Daltronde, se si ha contezza del fatto che di analfabetismo funzionale soffre oltre l’80% degli italiani (nella sua forma più grave la percentuale è del 47%), non cè altra scelta: occorre rinunciare a produrre testi che impongano al lettore la fatica di ragionare. Non mi si fraintenda: con una scrittura semplice, non faticosa, si possono adeguatamente esprimere concetti anche assai complessi, senza che limpianto argomentativo venga a perdere solidità, né che venga meno la possibilità di saggiarla. Di fatto, tuttavia, il saggiarla implica dover ricostruire il processo attraverso il quale limpianto argomentativo è venuto a strutturarsi. Poco male, si dirà, in fondo nulla andrà perso. Certo, ma solo per chi sarà in grado di riattaccare i rami al tronco: lanalfabeta funzionale non ne sarà capace, anzi, neppure ne comprenderà il senso. Si saranno così create le premesse perché a persuaderlo possa bastare ciò che pensa di aver capito, laddove il testo gliene offra occasione, poco importa quanto reale. La breccia sarà fatta per lasciare passare non solo paralogismi e tautologie, ma anche argomenti validi, se però esposti in modo didattico, il che giocoforza presuppone la disponibilità ad assegnare autorità senza poterne valutare pienamente la legittimità.
Il primato europeo di analfabetismo funzionale di cui lItalia continua ad essere lincontrastata detentrice fin dalla prima indagine effettuata sul fenomeno non è, dunque, solo un problema strettamente culturale, ma anche, e forse soprattutto, una questione antropologica, tanto più rimarcabile in quanto tale per lenorme divario che la separa dagli altri paesi: a dispetto degli autori che ci hanno scoraggiato dalla costruzione di quegli idealtipi cui si dà il nome di «carattere», quello italiano esiste, e ha una ben distinguibile cifra identitaria, che è l’incapacità di ragionare

martedì 19 aprile 2016

Bah, chissà, forse la fretta

I tecnici nominati dalla Procura di Vibo Valentia ritengono in via preliminare che gli incidenti verificatisi sul tratto della Salerno-Reggio Calabria ora sottoposto a sequestro cautelativo siano dovuti a difetti nella realizzazione delle opere di ammodernamento che di recente vi sono state apportate. Bah, vedremo come andrà a finire, può darsi che tutte quelle morti siano dovute solo al caso e che limpresa incaricata dei lavori non abbia alcuna responsabilità dellaccaduto. Certo, se ne avesse, sarebbe legittimo chiedersi cosa possa aver causato gli errori di progettazione e di messa in opera. Chissà, forse la fretta. Sappiamo, infatti, che entro il 22 dicembre la A3 deve essere completata, perché linquilino di Palazzo Chigi possa inaugurarla, come ha promesso lo scorso febbraio, quando allannuncio in conferenza stampa tutti gli hanno riso addosso, e allora – mirabile visu – sulle sue gote si è colto un lieve accenno di rossore, del tipo che si osserva in certe balaniti: quelloltraggio alla sua credibilità può averlo spinto a mettere il pepe al culo ai responsabili dei cantieri aperti sulla A3, e si sa che col pepe al culo lerrore scappa sempre. Fare per fare, e fare in fretta, di rilancio in rilancio, in perenne sfida: è la filosofia di Matteo Renzi, i morti nella galleria Tremisi-San Rocco ne sarebbero i paralipomeni.

lunedì 18 aprile 2016

Guerri su Buonaiuti


Rammentandoci che il 20 aprile ricorre il 70° anniversario della morte di Ernesto Buonaiuti, Giordano Bruno Guerri ne tratteggia la figura di intellettuale che subì feroci persecuzioni da parte del papato, chiudendo il suo articolo con l’auspicio che Bergoglio ne faccia ammenda, tanto più doverosa da parte di Bergoglio perché è proprio il suo pontificato ad aver dato segno di «voler recuperare lo spirito più profondo del messaggio di Buonaiuti», e poi perché Bergoglio è un gesuita, e proprio i gesuiti furono i suoi più accaniti detrattori (Adesso Papa Francesco perdoni l’«eretico» Buonaiuti - il Giornale, 18.4.2016).
L’auspicio sembra assai sentito, d’altronde basta aver letto la biografia di Buonaiuti che Guerri diede alle stampe tempo fa (Eretico e profeta, Mondadori 2001) per capire quanta compassione abbiano suscitato in lui i torti subìti dall’«esponente più importante del modernismo» qui in Italia. Né sembra strumentale, l’auspicio, anche se le posizioni anticlericali di chi lo formula sono note, perché, da storico che non si è mai adeguato a una conformistica lettura del fascismo, Guerri non dimentica di denunciare anche i torti che Buonaiuti subì dal regime fascista (tutte recepite, in occasione del Concordato e dei Patti Lateranensi, le richieste vessatorie avanzate dal Vaticano nei suoi confronti), né, da liberale, fa sconti ai liberali, Croce in testa, che per la sorte di Buonaiuti spesero solo indifferenza («pensando a torto che si trattasse di battaglie che non riguardavano la vita laica»).
Tutto bene, diremmo, se non fosse che in quarta di copertina, sulla prima edizione della biografia di Buonaiuti, si legge: «non potrà mai essere perdonato dalla Chiesa: o eretico o santo». Che, da un lato, rivela la piena comprensione delle ragioni che ancora oggi costringono la Chiesa a rigettare i capisaldi del modernismo (evoluzione creatrice, lettura storico-critica delle Scritture, recupero dell’ecclesiologia del primo cristianesimo, ecc.) con una fermezza di cui invece si sente in grado di poter fare a meno quando fa l’ecumenica con ortodossi, anglicani e lefebvriani, e, dall’altro, esprime in modo plastico la coincidenza di strategia e di tattica nel modo che essa adotta per riscrivere la sua storia. Proprio perciò, e in virtù del suo quasi sfacciato candore, l’auspicio appare sottilmente provocatorio. 

Come diceva il poeta

Sette italiani su dieci, ieri, hanno disertato le urne. Trattandosi di un referendum, direi che le ragioni – valide o meno, a piacere – possano ridursi alle seguenti, ma senza che ciascuna escluda necessariamente le altre:
(1) rigetto di ogni forma di voto, come espressione di sfiducia nel metodo democratico o addirittura di ripudio del principio che lo informa;
(2) rigetto del voto referendario, per generica contrarietà ad ogni forma di democrazia diretta, per specifico dissenso al senso che questa assume nello strumento del referendum, per sfiducia maturata dall’esperienza delle numerose volte in cui l’esito del voto è stato disatteso;
(3) rigetto del quesito posto in questa occasione, perché non adeguatamente compreso, perché ritenuto di peso irrilevante, perché considerato strumentale, perché non proposto da 500.000 cittadini, ma da 9 regioni;
(4) contrarietà all’evenienza che dalle urne uscisse vincitore il sì e conseguente scelta di far forte il no con l’astensione motivata dalla somma delle suddette ragioni.
È ovviamente impossibile discernere in quota percentuale quanto abbia pesato l’una o l’altra ragione nel mancato raggiungimento del quorum, ma un astensionismo ormai stabile intorno al 30-40% per ogni genere di consultazione elettorale tenutasi negli ultimi dieci anni, con un marcato incremento quando si trattava di referendum, consente di ridimensionare il peso tutto apparente che assume la pur incontestabile vittoria di chi voleva che andasse come è andata.

Relativamente più semplice è l’elenco delle ragioni che hanno portato alle urne i restanti tre italiani su dieci:
(1) c’era chi non diserta mai il voto, perché lo ritiene un dovere civico, non intende venirvi meno neppure se ha coscienza che ormai conta sempre meno, e va a votare sempre, anche se non ha le idee ben chiare, dove probabilmente lascia la scheda in bianco;
(2) poi c’era chi, a torto o a ragione, pensava di aver chiara la questione che era in gioco, e su quella intendeva esprimere la propria idea, ritenendo indispensabile darle un peso col voto, sia per votare sì, nel tentativo di abrogare una norma ritenuta ingiusta, sia per votare no, perché indisposto a vederla confermata dal mancato raggiunto del quorum o disposto a vederla confermata anche in quel modo, ma personalmente indisposto a servirsene;
(3) infine c’era chi al voto riconosceva la legittimità del valore strumentale che era venuto assumendo come espressione di sfiducia al governo, poco importa se per la natura stessa del quesito o per la sfida lanciata da Matteo Renzi col suo invito all’astensione.
Anche qui è difficile separare una ragione dall’altra per assegnare a ciascuna il proprio peso percentuale, sta di fatto che l’invito di Matteo Renzi all’astensione rende in qualche modo omogeneo il 32,15% che si è recato alle urne, conferendogli un profilo politico che il 67,85% che se n’è tenuto lontano non ha. In buona sostanza, questo referendum ha creato un collante tra chi è andato a votare perché l’indifferenza è un peccato mortale, chi ci è andato pensando a cazzo di cane che il suo voto servisse a salvare l’albatros dall’atroce agonia in una pozza di catrame e chi invece l’ha fatto semplicemente perché sperava di poter vedere Matteo Renzi schiattare di rabbia: un collante che manca alle componenti dell’elettorato astensionista, sul quale oggi il buffone ha buon gioco a puntare i piedi, ma che in realtà è meno affidabile della superficie delle sabbie mobili. In più, non è da sottovalutare l’effetto frustrante di un mancato quorum in chi è andato a votare, non importa quale fosse il motivo che portasse alle urne.

In definitiva, direi che il fine immediato posto dal referendum, come ampiamente previsto, è senza dubbio fallito, ma quello che, scientemente o meno, gli era insito alla media e lunga distanza ha trovato pieno successo, come ne ha dato plastica dimostrazione la conferenza stampa tenuta da Matteo Renzi, dove la voglia di incassare il risultato è stata cautamente raffrenata da toni di ricomposizione: la vittoria non era del governo, ma dei lavoratori addetti alle trivelle; la sconfitta non era di chi era andato a votare, ma di chi ce l’aveva portato. Può darsi che questo tentativo di blandire il risentimento dei tanti che sono stati sbeffeggiati dai suoi sgherri possa avere qualche effetto, ma l’impressione è che con la vittoria ottenuta ieri, soprattutto col modo in cui se l’è procurata, Matteo Renzi abbia dato un altro colpo di vanga allo scavarsi la fossa nella quale sarà seppellito vivo. Non è dato sapere quando, e comunque non è ragionevole pensare che accadrà presto, in fondo quella italiana è plebe dai riflessi assai ottusi, quasi spenti.
«E poi perdere ogni tanto ci ha il suo miele», come diceva il poeta. Che aggiungeva: «si pianga solo un po’ perché è un peccato e si rida poi sul come andrà a finire»; «la ragione diamo e il vincere ai coglioni, oppure ai bari»; «ne abbiam visti geni e maghi uscire a frotte per scomparire»; «ghignando ce ne andremo pian pianino per sederci lungo il fiume ad aspettare»... Conviene riascoltare tutta la sua poesia.


Per oggi abbandoniamoci al lirismo, via, ché poi, quando verrà il momento di saldare i conti non ce ne sarà tempo, né motivo.

domenica 17 aprile 2016

Siamo onesti, via

Siamo onesti, via, quello che si è tenuto oggi era un referendum fallito in partenza. A gente come quella che intasa la canna fecale che da Aosta scende fino ad Enna non si pongono quesiti così astrusi, ma domande semplici e su questioni che tocchino davvero la viva realtà del suo quotidiano.  


Karma


È giovane, questo è vero, ma non si può mai dire, la morte è capricciosa, pesca a caso, e poi ultimamente non mostra unottima cera, è gonfio, chiude la frase con un lieve affanno, appena percettibile, questo sì, ma non sarei affatto sorpreso se la minima fosse sui 90/95, la creatininemia sforasse anche di poco, avesse qualche occasionale disritmia cardiaca... Poi cè che i giovani si sentono immortali, sottovalutano i sintomi, sperperano energie pensando siano inesauribili... Se poi sono drogati di vitalismo e di autostima, perennemente su di giri, convinti di avere il mondo in pugno, basta un nonnulla, chessò, un piccolo aneurisma cerebrale, e il karma non perde loccasione di dar prova di quanto sappia essere stronzo. Insomma, non cè da disperare, occorre solo esser pazienti.
«Nessuno strumentalizzi il voto», dice. Ti verrebbe da sparargli in bocca, ma perché scomodarsi? Lasciamo fare al fato, che in ogni vita è piantato come una trivella, e succhia e succhia e succhia, senza rinnovo della concessione, fino a esaurimento. 

venerdì 15 aprile 2016

Napolitano 2005

Mai avrei immaginato che Napolitano avesse fan tanto agguerriti. Ammiratori, sì, sapevo che ne avesse, ma non immaginavo che fossero capaci di esprimere la loro ammirazione per Re Giorgio con insulti così violenti allindirizzo di chi azzardasse a sollevargli critica. La regola, qui, è di cestinare ingiurie e minacce, ma a questi corazzieri di complemento in pensione devo una risposta, e mi pare non ce ne sia una migliore che proporre un Napolitano dannata. Non così lontano nel tempo, poi: si tratta dellintervista concessa ad Alessio Falconio, per Radio Radicale, l8 giugno del 2005. Concetti chiari, e chiaramente espressi, peraltro ribaditi nel 2011, anche lì in occasione di una chiamata referendaria. Ascoltatelo, lemerito, poi andate a fare in culo assieme a lui.

[Commenti di tenore analogo a quelli riservati al post qui sotto saranno allegati a documento di querela contro ignoti.] 


Un emerito

Quando si trattò di discutere su quale valore attribuire al voto, la Costituente si spaccò in due: cera chi voleva che la Costituzione ne affermasse lobbligatorietà giuridica e chi invece riteneva fosse un pochino esagerato schiaffare in galera chi disertasse le urne. Si arrivò al compromesso e il voto fu dichiarato «dovere civico».
In quanto «dovere», era implicito dovesse stabilirsi una sanzione per chi se ne sottraeva. Avendo rinunciato a trattarla come un reato, lastensione fu punita con liscrizione in un apposito albo, che per un mese restava esposto al pubblico nella bacheca delle ordinanze comunali, e con lannotazione «non ha votato» sul certificato di buona condotta per i cinque anni successivi, a norma dellart. 115 del testo unico della legge elettorale del 30.3.1957, che definiva il voto come «obbligo al quale nessun cittadino può sottrarsi».
Sarà solo un caso, ma tutto questo ha termine solo quando le leggi elettorali virano al maggioritario, quasi a concedere un vero e proprio diritto di astensione dal voto proprio quando la cosiddetta governabilità comincia ad essere sentita prioritaria rispetto alla rappresentatività. Come a dire: togliamo al tuo voto il suo effettivo peso, ma in cambio ti concediamo la libertà di non votare, lasciando al biasimo la mera maniera.
La Costituzione continua a recitare che il voto è un «dovere civico», ma al rispetto del principio sembrerebbe sia tenuta solo la figura istituzionale, visto che continua ad essere vigente, per esempio, la legge 352 del 25.5.1970 (Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo) che punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni «chiunque investito di un pubblico potere [...] si adopera [...] ad indurli [gli elettori] all’astensione». Vigente per modo di dire, visto che il Presidente del Consiglio continua ad invitare a disertare il referendum che si terrà dopodomani senza che una Procura della Repubblica senta il bisogno di intervenire. 
Poi cè lemerito, e a emerito non aggiungo Presidente della Repubblica perché alludo ad altro. Dalle pagine de la Repubblica, ieri, lemerito diceva che «l’astensione è un modo di esprimere la convinzione dell’inconsistenza e della pretestuosità di questa iniziativa referendaria», alla faccia dellUfficio centrale per il referendum presso la Corte suprema di cassazione che lha dichiarata legittimamente fondata. Il rispetto del principio viene così ad essere dichiarato eludibile anche da chi sia investito di un pubblico potere.
Sarà solo un caso, ma tutto questo accade col degrado della funzione rappresentativa in  una delle più plastiche rappresentazioni del cosiddetto «populismo dallalto»: il pubblico potere trae legittimità dal silenzio-assenso più che dal dichiarato consenso e l’invito all’astensione diventa il modo per poter dichiarare legittima la pretesa della delega in bianco.
Ne è ulteriore conferma la procedura che lemerito ritiene più adeguata a correggere quelli non ha difficoltà a riconoscere come punti deboli della riforma costituzionale per la cui approvazione così comè da parte del parlamento non ha risparmiato impegno: «Bisogna soprattutto farla, una riforma come quella appena approvata, eppoi impegnarsi per la sua migliore attuazione. A questo compito dovrebbero partecipare, una volta confermata la legge con il referendum, anche i gruppi politici che oggi la osteggiano». Scriverla come viene, approvarla anche se ha dei difetti, chiedere al popolo bue di dare in non obstat, e poi procedere a migliorarla per quanto possibile coinvolgendo chi avrebbe voluto emendarla prima che fosse approvata, ovviamente se disposto al supino assumere la ratio di un tombale neoconsociativismo. Che vi dicevo? Un emerito. 

mercoledì 13 aprile 2016

[...]


Si è soliti attribuire a Chilone il precetto di non dir dei morti altro che bene, ma in realtà Diogene Laerzio gli mette in bocca semplicemente il divieto di dirne male (Vite dei filosofi, I, III, 70), che però ha antecedenti in Omero (Odissea, XXII), in Archiloco (fr. 134 West) e in Eschilo (fr. 151 Radt).
Non è del tutto irrilevante la differenza tra il τον τεθνηκοτα μη κακολογειν di Chilone e il de mortuis nihil nisi bonum che diventa quando Ambrogio Traversari lo traduce dal greco al latino (Laertii Diogenis vitae et sententiae eorum qui in philosophia probati fuerunt, 1433). Nel primo caso, se voglio dir male di un morto, il precetto non mi dà alternative: devo tacere. Nel secondo caso, è un po diverso: mi è offerto il modo di parlarne, ma solo per dirne bene, il che non mi impedisce luso di strumenti retorici che possono rivelare quel che davvero penso, almeno a chi sia in grado di cogliere cosa ci sia sotto (υπο) il mio parlare (κρινειν). In sostanza, il de mortuis nihil nisi bonum mi consente unipocrisia (υποκρισιη) che il τον τεθνηκοτα μη κακολογειν mi nega.
Probabilmente è questo che spiega perché si sente parlare tanto bene di chi si sentiva parlare tanto male in vita, appena muore. Si tratta, tuttavia, di unipocrisia che solo in pochi casi rivela linsopprimibile bisogno di ribadire, pur ricorrendo allunico espediente consentito, il giudizio negativo che si aveva del morto, quandera vivo, perché, più in generale, accade che al tacere si preferisca parlare, per coprire leco del giudizio negativo che nel silenzio sarebbe ancora ben udibile: il tanto dirne male quandera vivo è così persistente che rischia di offenderlo anche da morto, e allora occorre esagerare col dirne bene, non di rado arrivando al grottesco.
Pessimi difetti diventano, così, virtù che prima non erano neppure sospettate, e al disprezzo fa posto la lode, allinsulto lincensamento: il pazzo fottuto è diventato un appassionato visionario, il losco burattinaio ora è un leader buono e saggio, dove prima c’era l’avido affarista ecco l’idealista che ci rimetteva di tasca sua..Il moralista ne resta nauseato, lo studioso di scienze umane sa trovarlo affascinante. 

lunedì 11 aprile 2016

Nessuno è perfetto

Bravo, sto Grossi, ma proprio bravo, bravo, bravo: «Al referendum – dice – si deve votare: la partecipazione al voto – spiega – fa parte della carta d’identità del buon cittadino». Che peccato non averlo avuto alla presidenza della Corte Costituzionale ai tempi del referendum sulla legge 40, quando il cardinal Ruini invitava allastensione. E vabbè che una parolina avrebbe potuto spenderla anche allora, ché già ci aveva un curriculum prestigiosissimo, ma non risulta. Chissà ’ndov’era, magari era docente all’estero...
Andiamo a controllare, va’, può darsi che su Wikipedia... Ah, ecco, nel 2004 era giudice di un tribunale ecclesiastico. Su nomina della Cei, naturalmente. Alla cui presidenza cera il cardinal Ruini. Chiudiamo, via, nessuno è perfetto.    

Tutto deve essere semplice

Nel caso in cui Giulio Regeni fosse stato ucciso da una cellula deviata dei corpi di sicurezza egiziani – poco importa se infiltrata da agenti stranieri che si fossero posti il fine di creare tensione tra Italia ed Egitto o se espressione di uno di quei settori dellesercito che, per unanime parere degli analisti delle cose egiziane, da tempo tramano per rovesciare al-Sisi – potremmo dire che la sua operazione stia dando ottimi risultati: il caso è allattenzione dellopinione pubblica internazionale come emblematico di un regime sanguinario e gli attriti tra le autorità italiane e quelle egiziane sono arrivati al punto da mettere in discussione, seppure a mero scopo intimidatorio, i solidi accordi di partnership economica che fin qui avevano lasciato a bocca asciutta Francia e Regno Unito.
Potremmo dire sia stata scelta la vittima giusta, la si sia macellata nel modo migliore, nel momento più opportuno, con un accorto calcolo della reazione che lassassinio avrebbe provocato in Italia (soprattutto in relazione a chi dovesse necessariamente esserne il responsabile), dei passi diplomatici che questa avrebbe reso necessari (salvo ricadute su un governo che non poteva, e ancor più non può, permettersele), della necessitata risposta del regime egiziano (nellimpossibilità di ammettere di non avere il pieno controllo dei corpi di sicurezza), dell’escalation che tali elementi avrebbero innescato.
Potremmo, ma quest’ipotesi è liquidabile come «complottista», e quella di «complottismo», oggi, è imputazione che rovina la reputazione in società: l’uomo di mondo, oggi, ama radersi col rasoio di Occam, per porgere dal suo viso perfettamente sbarbato un sorriso beffardo a chiunque azzardi che i complotti sono il pane quotidiano di ogni servizio segreto. Come non detto, era giusto per non dare per scontato quel che è scontato. Giulio Cesare? Si decise di ammazzarlo lì per lì, smettiamola con le malate insinuazioni che dietro ci fosse una congiura, sennò finiamo nel mucchio di quelli che negano lo sbarco sulla Luna? Tutto non può che essere estremamente semplice, deve esserlo, sennò cadiamo nella paranoia: ergo al-Sisi è fesso e feroce, e i suoi hanno ucciso Giulio Regeni, e non ne hanno fatto sparire il corpo perché avevano finito l’acido, oppure no, perché c’era una partita alla tv, oppure perché  via, che importa il perché? Tutto è così semplice: di qua il ragazzo che stringe a sé il gattino, di là il tipaccio col grugno da faraone. Urge che al-Sisi ammetta la sua colpa, sennò prima ritiriamo l’ambasciatore dal Cairo, e poi l’Eni. Perché noi abbiamo una dignità da difendere, e vale più dei 25 miliardi di dollari di interscambio con l’Egitto. Ci facesse affari la Francia, con quel criminale.