martedì 23 settembre 2014

Due rilievi

Dopodomani torna Servizio Pubblico e l’homepage del suo website offre un’anticipazione della prima puntata della nuova stagione televisiva con un breve estratto da Napoli senza casco, un servizio firmato da Luca Bertazzoni, accompagnato dal seguente sommario: «Napoli piange ancora Davide Bifolco, ma a meno di 20 giorni dalla morte del ragazzo niente sembra essere cambiato al Rione Traiano: mentre non sono ancora chiare le dinamiche dell’accaduto – la versione dei carabinieri e della famiglia non collimano – ragazzi di 13 anni continuano a girare senza casco, patente e assicurazione. “Non abbiamo i soldi per farla. È normale girare senza casco: lo Stato m’adda fa nu bucchin”», riprendendo in virgolettato la colorita espressione di uno degli indigeni.
Due rilievi mi sembrano opportuni. Il primo è relativo allo scarso rispetto per l’ortografia del dialetto napoletano. Infatti, «m’adda fa» («deve farmi») letteralmente sta per «ha da fare a me» («mi ha da fare»), e dunque «fa» vuole l’apostrofo che indica il troncamento della sillaba finale («-re»): la forma corretta è «fa’» o eventualmente quella pur impropria ma largamente invalsa con l’accento («fà»). Di poi, quel «nu» manca dell’apostrofo di aferesi, infatti è articolo indeterminativo (sta per «unu»), dunque la sua forma corretta è «’nu». Per finire, i sostantivi che finiscono con vocale muta la esprimono graficamente con una «e». Insomma, la frase va corretta in questo modo: «lo Stato m’adda fa’ ’nu bucchine» (volendo rendere in dialetto anche «lo Stato»: «’o State m’adda fa’, ecc.»).
Il secondo rilievo, invece, è relativo allo scarso rispetto per lo Stato, che si traduce in una espressione verbale non meno impropria del suo corrispondente nella forma scritta, anche se ovviamente su tutt’altro piano. Qui, tuttavia, non c’è parere unanime sul come andrebbe corretta. C’è, per esempio, chi la correggerebbe portando il giovinastro in caserma per dargli una registratina alla fonetica spaccandogli incisivi, canini e premolari dell’arcata dentaria superiore, ma è scuola d’altri tempi. Prevale ultimamente altro indirizzo: i rappresentanti dello Stato lascino dire, limitandosi ad un contenuto segno di riprovazione, scrollando il capo, ma facendo attenzione a come lo si scrolla, sennò sarà pure biasimo, ma somiglierà di molto proprio a «’nu bucchine».  

15 commenti:

  1. Rilievi in cui si conferma che la glottologia arriva molto più lontano nell'analisi sociale della stessa sociologia.

    RispondiElimina
  2. Per coerenza con quanto accaduto a Giulia Latorre, il tizio che ha pronunciato quella frase in televisione dovrebbe essere iscritto nel registro degli indagati per vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate ai sensi dell'art. 290 cp

    LB

    RispondiElimina
  3. L'esegesi puntuale dell'etimo è materia per i cultori di settore. I più superficiali si soffermano invece su "Napoli piange ancora Davide Bifolco". Ci sarà qualcuno tra i napoletani che si chiamerà fuori dalla collusione ecumenica e banalmente giornalistica del Bertazzoni ?

    PS Non è detto che il sesso orale ben gestito in qualsiasi posto di polizia possa essere meno convincente di una spolverata stomatologica. Del resto l'ISTAT si è sentito in dovere di inserire i proventi da prostituzione nella descrizione del PIL mentre l'esercito sarà delegato alla produzione di farmaci a base ganja. Ogni
    settore pubblico ha una specifica delega.

    lr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prostituzione e droga nel conteggio del Pil non sono frutto di una bislacca scelta dell'Istat, ma dei nuovi criteri di calcolo stabiliti dall' Unione europea ed entrati in vigore nel settembre 2014.

      Elimina
    2. Io non capirò mai perché, quando si tocca l’ISTAT, c’è sempre qualcuno che insorge a difesa del Bravo Burocrate Servitore dello Stato. Nella fattispecie, è falso che siano "entrati in vigore" nel settembre (vedi Francia, che non ce li ha ancora messi, mentre la Grecia li inserì nel 2005, e sappiamo tutti perché). E’ falso che il calcolo rivesta una qualsiasi attendibilità. E’ falso che sia una buona pratica di contabilità nazionale. Ma fin qui, potrebbe essere che l’ISTAT ha disciplinatamente eseguito un ordine dall’alto. Il guaio è che c’è zelo, molto zelo. Prima lo fecero con Craxi (inclusero il sommerso negli anni ‘80, ma che bravi: e dov’era, di grazia, la direttiva europea?). Poi fecero tutto quello che potevano fare per occultare l’inflazione post-Euro. Poi si rifiutarono di fare una semplice comparazione fra i redditi dei parlamentari europei. Poi, adesso, hanno calcolato la quota illegale di PIL in modo totalmente fantasioso. Né, d’altra parte, potevano fare altrimenti, visto che gli elementi fattuali mancano. Ma se mancano, perché non l’hanno detto, come per i redditi dei parlamentari?

      Elimina
    3. http://www.bloombergview.com/articles/2014-05-30/sex-drugs-and-accounting-in-europe

      E' l' Unione Europea a chiedere di includere i proventi da droga e prostituzione con l' applicazione del sistema di calcolo indicato nel Sistema europeo dei conti 2010. Il fine è quello di rendere comparabili i dati economici dei paesi dell'Unione, utilizzando un sistema di calcolo comune, visto che alcuni paesi calcolano droga e/o prostituzione già da diverso tempo (Grecia, Germania , Ungheria e Austria). Il Regno Unito ha iniziato a maggio 2014:

      http://www.theguardian.com/news/datablog/2014/may/29/drugs-and-prostitution-contributed-almost-10bn-economy-in-2009

      Ricordavo, sbagliando, la scadenza di settembre 2014, come scritto nel post di Bloomberg, in realtà il termine è slittato al 2016.

      Resta il fatto che l'applicazione del nuovo sistema di calcolo non è una scelta dell 'Istat, ma l'adeguamento alla normativa europea.
      Poveracci, sempre a criticarli, per una volta che sono stati tempestivi.







      Elimina
  4. Nostalgico dei metodi violenti contro gli eretici che non rispettano le divinità?

    RispondiElimina
  5. Sulle prime pensavo che 'lo Stato' fosse pronunciato in italiano a mo' di citazione, per scherno; poi sono andato a vedermi il filmato e - tenivate raggione voi comme 'o solite, Dotto', mannaggia 'a rabbia 'e mi facite ;-)
    Comunque direi che la frase sintetizza perfettamente una cultura, a costruirla apposta non sarebbe venuta più efficace.

    RispondiElimina
  6. Eppero` tra la resa completa e la violenza illegittima un giusto mezzo ci sara`. Certo, a occhio e croce sembra problema analiticamente ben piu` arduo della caratterizzazione dei politopi iperbolici che sto andando a proporre come progetto di ricerca al concorso di ammissione al dottorato.
    Marco Antognozzi

    RispondiElimina
  7. Eh ma forse il dialetto napoletano è un po' come la particolare applicazione che in quella landa ha il codice stradale: non segue le stesse regole dell'italiano...

    Franco Tremul

    RispondiElimina
  8. i Suoi rilievi, Dott. Malvino, non fanno una grinza. Tranne una, forse: l'articolo determinativo lo diventa 'o. La Sua 'u è la variante dialettale ischitana, non priva di una sua dignità.

    RispondiElimina
  9. "m'adda fa' " o "m'ha dda fa' "?

    Ossequi
    Francesco Martucci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le grammatiche del dialetto napoletano di cui sono a conoscenza (Capozzoli, Fierro, Mignone, Ledgeway, ecc.) prevedono la forma aggia/adda/adda/a(v)imme/a(v)ite/anna.

      Elimina
  10. La vocale muta (o è meglio "indistinta"?) finale si dovrebbe poter scrivere con il segno di dieresi (ma YMMV: il mio è un dialetto più "orientale" :) )

    RispondiElimina