mercoledì 6 luglio 2016

Gentile Matteo Renzi


Gentile Matteo Renzi,
nel caso in qualche modo Le arrivasse questa mia che metto in bottiglia e getto nel gran mare della rete – mi auguro voglia apprezzare, come sforzo empatico, ladeguarmi alla Sua estetica da liceale – sappia che qui Le parlo deponendo ogni disprezzo per la Sua persona, cosa che fino a ieri ritenevo impossibile, ma che invece oggi, almeno per il breve spazio che prenderanno queste righe, credo di riuscire a fare.
È che nella mostruosa costruzione dellimpostura da Lei incarnata mi è parso di scorgere una tenue incrinatura nel punto in cui, nel corso della relazione da Lei tenuta alla Direzione del Pd di ieri, ha fatto cenno alla vergogna che Suo figlio Le ha detto proverebbe nel caso in cui Lei si recasse ad assistere una partita di calcio da lui giocata. Sono certo che uno come Lei non abbia alcuna difficoltà nel fingersi commosso, né credo si farebbe scrupolo nellusare un figlio per estorcere due grammi di simpatia, e tuttavia ieri mi è parso sincero: mi è parso sinceramente addolorato nel fatto che Suo figlio non voglia che Lei vada a guardarlo quando gioca, ed è quel dolore di padre che oggi mi consente di rivolgermi a Lei dimenticando per un istante il resto. Non escludo, sia chiaro, che ieri Lei possa aver messo a frutto gli studi di Ekman, Cialdini, Mehrabian, e sappia spezzar la voce ad arte, deglutire come si deve, insomma, non escludo che ieri Lei mi abbia fottuto, ma fa niente, voglio dare per scontato che Lei fosse davvero addolorato.
Bene, mi consenta di correggere lerronea impressione che Le ha dato il dolore: il ragazzo non si vergogna che il su babbo abbia la scorta, e nemmeno che labbia a dispetto di quanto Lei ebbe a dire in giorno in cui si insediò a Palazzo Chigi («A me la scorta non mi garba, non la voglio, grazie. La mia scorta è la gente» - Corriere della Sera, 18.2.2014), prima di una lunga serie di parole non mantenute: il ragazzo teme di doversi vergognare degli epiteti che il pubblico presente non mancherebbe di rivolgerLe.
Sia orgoglioso di Suo figlio: ha miglior polso del Paese di quanto ne abbia Lei. E poi ha una virtù che Le manca, e che dunque deve aver preso senza dubbio dalla mamma: è capace di vergognarsi. Lei non può capire, ma – si fidi – è promessa che, a dispetto di quello che è suo padre, possa pure diventare un galantuomo. Quella, sì, che almeno a casa Sua sarebbe una riforma di rilievo.
Saluti,

9 commenti:

  1. chapeau.
    è uno che: 1) non sa ridere di sé; 2) per contro, non prova, appunto, alcuna vergogna; 3) la sua estetica è televisiva; 4) si astiene dal dirci come e con che cosa avrebbe vissuto se non avesse sempre fatto politica. probabilmente avrebbe venduto azioni subordinate, come altri del suo governo.

    RispondiElimina
  2. Ragazzi non esageriamo! Godiamoci questo cadavere che cammina finché dura!!! Lasciamolo fare!!! È uno spettacolo! Non lo demoliamo troppo, si sta sgretolando da solo ed è un esempio per tutti!!!

    RispondiElimina
  3. Praticamente è lo Stanis la Rochelle della politica.

    RispondiElimina
  4. A dire la verità di 'sti esempi ne abbiamo avuti a iosa poi, francamente pensavo fosse ancora alle medie, quasi mai i figli seguono i padri, a volte ne sono l'esatto contrario e sono sempre giudici severissimi ed implacabili soprattutto sugli errori genitoriali.....Alfano, caso a parte, ovvio.
    Caifa.

    RispondiElimina
  5. come no ? Il problema sono le qualità morali del primo ministro. C'è dubbio ? Non c'entrano le condizioni politiche che ne hanno determinato l'ascesa e il tipo di attese che si è candidato a soddisfare. Però che sfiga, è possibile che tutti partano bene e poi si rivelino dei poco di buono ? E dire che le cose che chiede il paese da decenni più che ragionevoli: abbassare le tasse ( col debito pubblico che abbiamo ) e cambiare la costituzione senza motivo. Non è che forse il paese dovrebbe chiedere qualcosa un tantinello più ragionevole e onesta ?

    RispondiElimina
  6. Per meglio comprendere la "natura" del personaggio di cui si sta parlando, capace anche di manipolare le parole di un morto, facendogli dire l'esatto contrario di quello che intendeva dire per poi impiccare alla sua manipolazione il morto stesso (che non può smentire) e l'intero M5S,suggerisco questa lettura (sconsigliata a chi sia debole di stomaco):
    https://triskel182.wordpress.com/2016/07/06/renzaleggio-marco-travaglio/#more-89573

    RispondiElimina