giovedì 24 novembre 2016

Ammàzzate-oh!

Paolo Mieli (Ottoemezzo, 23.11.2016) ritiene sia assurdo credere che Vincenzo De Luca abbia mai realmente pensato che Rosy Bindi meriti dessere ammazzata, e ancor più assurdo credere che quel suo «da ucciderla» possa mai intendersi come un mandato, ancorché preterintenzionale, trattandosi palesemente di interiezione estemporanea, equivalente a un «ma va a mori ammazzata!». Sono daccordo con lui, daltronde allo stesso modo era da intendersi quella lettera aperta pubblicata da lEspresso nel giugno del 1971, e di cui Paolo Mieli era tra i firmatari, nella quale Luigi Calabresi era indicato come il responsabile della morte di Giuseppe Pinelli: non una sentenza la cui esecuzione era affidata a qualche volenteroso giustiziere, ma un innocente «ammàzzate-oh!».

10 commenti:

  1. peccatucci di gioventù. tesi di laurea su Bottai e il "fascismo di sinistra'', dopo aver frequentato per anni De Felice e riabilitato il fascismo, ora di mestiere è clacchista a gettone

    RispondiElimina
  2. Per Mieli, Calabresi era responsabile della morte di Pinelli. La lettera aperta è un atto di ricusazione nei confronti della giustizia nella quale non può riconoscersi "la coscienza dei cittadini". Mi sembra azzardato leggerci una sentenza.
    Per De Luca, Rosy Bindi è responsabile, credo, di averlo definito "impresentabile".
    A me il parallelo tra le due situazioni sembra poco rigoroso.

    RispondiElimina
  3. Mi sfugge la finezza dialettale, sa sono del nord.......mi pare che comunque il famoso scritto fosse intenzionalmente e volutamente diverso, questione di angoli e traiettorie.
    Caifa.

    RispondiElimina
  4. Era senz'altro un'innocente parola sdrucciola, altrimenti il direttore di Repubblica non conviverebbe con altri firmatari della lettera.

    RispondiElimina
  5. Non conosco la lettera ma probabilmente Mieli fece una figura decisamente migliore di quella che ha fatto ieri sera difendendo De Luca con un'arringa stile avvocato di "Un giorno in pretura", film di Steno.
    Alberto Garbato

    RispondiElimina
  6. ma anche provando, da bravi telespettatori, a seguire il ragionamento di Mieli, Gruber, Bindi e padre Federico: son esattamente gli stessi che hanno accarezzato lo scorpione quando allo stesso modo pungeva quel diabolo del grillo iniettando la mortal interiezione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Dice che il re è nudo?

      Elimina
  7. Personalmente ritengo che le due situazioni siano imparagonabili, anche per il milieu e clima storico completamente diverso. Calabresi venne additato come responsabile della morte di Pinelli e in pratica si incitò alla sua uccisione, in un clima sociale e politico arroventato; quello di De Luca è stato uno sfogo estemporaneo nell'indifferenza generale, a parte quualche post indignato sui social. Calabresi è STATO assassinato, credo che la Bimdi non corra alcun pericolo.

    RispondiElimina